Isabella Pinto

Bio


Isabella Pinto dottoranda in Studi Comparati presso l’università di Roma “Tor Vergata”. Studiosa di Elena Ferrante si interessa del problema delle scritture del sé che utilizzano il potere della finzione per decostruire i modelli di soggettività tramandati dalla tradizione patriarcale. Adottando una metodologia transdisciplinare spazia tra diversi ambiti di ricerca: dai  New Media, allo Storytelling, fino alle più recenti Posthumanism e New Materialism. Ha collaborato con riviste culturali e scientifiche tra cui DWFTesto & SensoAlfabeta2, L’ospite ingrato e lavorato nel mondo dell’editoria romana. Grazie all’esperienza politica iniziata con il movimento studentesco dell’Onda e proseguita con il Teatro Valle Occupato i suoi interessi di ricerca si sono allargati al rapporto tra arte, attivismo e femminismo. Nel 2018 ha co-curato il volume digitale Women Out of Joint. Dopo Hegel, su cosa sputiamo? per le edizioni La galleria Nazionale. Attualmente fa parte della redazione IAPh-Italia e del gruppo di ricerca EcoPol – studi su altri paradigmi di ecologie ed economie politiche.