Silvia Niccolai

Bio


Nata a Livorno nel 1963, vive a Roma. Dal 1999 insegna Istituzioni di Diritto Pubblico nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Cagliari, è ordinaria di diritto costituzionale e cattedra Jean Monnet 2006-2009 di diritto europeo. Le sue ricerche si indirizzano principalmente a due campi: 1) il governo e gli strumenti della governamentalità, comprese le forme post regolatorie e non tradizionali di governance, sia a livello europeo che a livello nazionale e in particolare nel campo delle politiche di coesione sociale e di genere; 2) l’interpretazione costituzionale e la retorica giuridica, specialmente per come emergenti dalla giurisprudenza delle due Corti europee e da quella della Corte costituzionale italiana nel campo dell’antidiscriminazione, dell’uguaglianza di genere e delle relazioni familiari.Nei primi anni ’90 è entrata in contatto col pensiero della differenza sessuale, tramite Susanna Lollini, insieme alla quale ha scritto in alcune occasioni su Via Dogana. Il pensiero della differenza l’ha aiutata ad analizzare criticamente alcune categorie giuridiche del diritto pubblico, e in particolare quelle della neutralità e della indipendenza. Questa analisi è confluita in un volume dedicato alle autorità amministrative indipendenti. Come coautrice del Dizionario costituzionale diretto da Michele Ainis (Laterza, Bari, 2000) ha accettato di scrivere una voce Sesso (anziché, come da lei proposto, Diritto sessuato), per dire due parole contro le pari opportunità. Nel periodo più recente i suoi studi si concentrano sul possibile incrocio tra una metodologia storico valutativa del diritto e le prospettive interpretative della differenza sessuale. Ha un diploma come arredatrice di giardini.