narrazioni

Narrazioni 2020

Narrazioni dai futuri in rivolta | Nuovi materialismi in tempi postumani

Cosa

Obiettivo del Modulo è rendere accessibili alcuni strumenti teorico-pratici per interrogare altrimenti il rapporto tra narrazioniviolenza patriarcale pratiche femministe. Dallo storytelling arendtiano alla fabulazione speculativa harawayana, passando per la scrittura femminile, la fantascienza femminista, il realismo stregato,  l’alfabetizzazione quantica e la diffrazione mapperemo le tecniche inventate nel corso della storia per mettere in questione, appropriarsi, rivoltare il potere di raccontare.

D’altro canto, la materia ci racconta delle storie? È possibile riscrivere la S/storia includendo tutto ciò che “non conta” per le narrative patriarcali? In un secondo momento, con questa doppia domanda ci immergeremo nelle narrazioni neomaterialiste, all’incrocio tra i femminismi e le Environmental Humanities. In questa cornice, lo storytelling, le pratiche discorsive, le storie diventano vere e proprie forze material-semiotiche, che cartografano le relazioni tra umano e non-umano, performando, al contempo, la materia.

Infine, adottando una metodolgia diffrattiva e punti di vista meridiani e decoloniali, il Modulo approfondirà alcune narrazioni prodotte dalle inedite forme di con-divenire, con particolare attenzione al Mar Mediterraneoentanglement che coinvolge materia acquatica, ambiente, storie, pratiche migratorie e forme di vita umane e non-umane.

Il Modulo, composto da 6 lezioni, si svolgerà in modalità semi-intensiva il venerdì e il sabato nell’arco di tre fine settimana.
A fine modulo, durante il mese di luglio 2020, è prevista un’uscita di Swim-Poie-Sea, secondo modalità e tempi in via di definizione.

Il Modulo è rivolto a: corsiste/i del Master in Studi e Politiche di Genere, studentesse e studenti, artisti/e, scrittrici/tori, giornaliste/i, copywriter, operatrici/tori ambientali, e a chi è interessato all’ambito delle Environmental Humanities, degli studi sulle migrazioni e delle lotte ambientali, dei femminismi postumani e neomaterialisti.

Mappa didattica –  elenco dei temi in discussione.  Il calendario definitivo sarà pubblicato alla chiusura delle iscrizioni.

Parole chiave:
 
Narrazione, Postumano, Antropocene
• Mitologia, Realismo stregato, Terrama(d)re
 Fantascienza, Utopia, Distopia
 Afrofuturismo, Black Feminist Poethics, Pratica della traduzione
 Speculative Feminism, Diffrazione, Antispecismo
 Mediterraneo, Ecologie delle Migrazioni, Ecofemminismi
+ Uscita pratica di Swim-Poie-Sea

Relatrici invitate (in via di definizione): 

Annalisa Camilli (giornalista di Internazionale)
Anna Maria Crispino (fondatrice della Società Italiana delle Letterate e della rivista Leggendaria, direttrice della collana Workshop per Iacobelli Editore)
Tiziana de Rogatis (critica letteraria e professoressa associata di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università per Stranieri di Siena)
Laura Fortini (fondatrice della Società italiana delle letterate e docente di Letteratura italiana presso Università di Roma Tre) 
Alessandra Masala (storica dell’arte, attivista e istruttrice Swimtrekking)
Igiaba Scego (scrittrice, giornalista e ricercatrice indipendente) 
Federica Timeto (sociologa dei Media, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e membro di Technoculture Research Unit di Napoli)
Federica Tomasello (dottoranda in Scienze Politiche presso l’Università di Roma Tre e attivista)
Carmen Zinno (scrittrice e membro del comitato di selezione del Festival dei Popoli di Firenze).

Quando

dal 26 Giugno all'11 Luglio 2020, il venerdì dalle 14 alle 19:30 e il sabato dalle 9.30 alle 13

Coordinatrici